Nutrizione e Sport

Performance, fitness, benessere

Un’alimentazione personalizzata, corretta e mirata all’obiettivo che ci si è posti, che esso sia di tipo prestativo, estetico o di semplice benessere, è imprescindibile per consentire il massimo rendimento.
Noi di Medicina dello Sport questo lo sappiamo bene.

Per questo motivo mettiamo a disposizione un professionista in nutrizione che vi guidi, attraverso una corretta alimentazione, a stabilire i giusti apporti energetici e nutritivi in relazione al tipo di attività svolta, in modo da ottenere sempre il massimo da voi stessi senza mai trascurare la prevenzione a lungo termine della vostra salute.

PERFORMANCE

Quando si parla di performance si intende l’impiego al meglio delle capacità fisico-motoriefunzionali di tutto il nostro organismo al fine di raggiungere un obiettivo prefissato. Motivazione personale, grado di allenamento e capacità individuale di utilizzo delle risorse energetiche sono essenziali per il raggiungimento della massima performance sportiva. L’organismo ha la capacità di adattarsi a maggiori richieste e sollecitazioni fino si massimi limiti fiosiologici. È quindi fondamentale per il raggiungimento di un risultato ottimale non trascurare nessuna variabile. Infatti, le migliori prestazioni provengono da un allenamento mirato, un corretto recupero ed un piano alimentare personalizzato.

NUTRIZIONE NELLA PERFORMANCE

Perché anche un atleta professionista deve seguire una dieta? Siamo abituati ad associare la parola dieta al concetto di dimagrimento. In realtà non si dovrebbe mai parlare di dieta in termini assoluti ma di piano alimentare finalizzato. È pensiero comune che uno sportivo possa mangiare tutto ciò che desidera, ma in realtà questo approccio è del tutto errato se si è alla ricerca della massima prestazione. Un’alimentazione personalizzata non renderà uno sportivo un campione, ma siamo certi del fatto che un approccio nutrizionale sbagliato influirà negativamente sulle sue prestazioni.

A CHI È RIVOLTA?

A tutti gli atleti professionisti che necessitano di un ulteriore miglioramento per ottenere il massimo da sé stessi. Dunque, è fondamentale a questo scopo formulare e seguire un’alimentazione che tenga conto di un proporzionato apporto calorico, di una giusta ripartizione di macro e micronutrienti e un adeguato timing dei nutrimenti in relazione ad allenamenti e gare.

 

FITNESS

Fitness è una parola che abbraccia molti campi ma che, nell’immaginario comune, rimanda al concetto di forma fisica. Una parola dunque legata molto al mero lato estetico. Chi pratica fitness, e non ci riferiamo solo all’attività in palestra, ha lo scopo di migliorare il proprio aspetto e di ottenere un corpo migliore, sano, forte. L’alimentazione finalizzata al fitness è strettamente legata al concetto di salute, infatti il “fitness mood”, come viene definito oggi, si orienta verso scelte alimentari specifiche che permettono un miglioramento dell’individuo a 360°.

NUTRIZIONE NEL FITNESS

La nutrizione nell’ambito del fitness ha quindi un duplice obiettivo: da un lato un adeguato piano alimentare che ha come scopo il miglioramento della composizione corporea, aumentando il più possibile la massa magra e riducendo la massa grassa fino ad un valore ottimale (ricomposizione corporea). In questo caso è fondamentale stabilire il fabbisogno personale di kcal e macronutrienti ponendo l’attenzione sia allo stato di forma fisica di partenza che alla condizione metabolica.
In secondo luogo, l’assunzione di alimenti di alta qualità, che nel gergo del fitness vengono chiamati “clean”, cioè “puliti”. Il clean eating infatti, non è altro che l’inserimento nel proprio piano alimentare di cibi quali verdure, frutta fresca e frutta secca (ricca di vitamine ed acidi grassi essenziali), fonti proteiche ad alto valore biologico, alimenti a bassa densità calorica e cibi poco raffinati che possano essere combinati per creare piatti e portate gustose che oltre a soddisfare l’appetito non trascurino i sensi nei momenti di riduzione calorica.

A CHI E’ RIVOLTA?

A tutti gli individui che praticano un qualsiasi sport a livello amatoriale il cui fine ultimo è quello del miglioramento di obiettivi di tipo estetico e salutistico piuttosto che la pura performance.

BENESSERE

Sebbene le parole fitness e wellness (termine col quale si identifica universamente il benessere) possano essere confuse, in realtà quando ci si riferisce al benessere l’importanza si sposta di più sull’aspetto di una “filosofia di vita”. Mentre nel fitness è il corpo ad essere al centro dell’attenzione, e quindi tutte le attività sono rivolte ad un miglioramento di tipo estetico, quando si parla di benessere l’attenzione si sposta sulla persona nella sua interezza, concentrandosi sul miglioramento della qualità della vita, compresi gli aspetti psicologici e stress-correlati che giocano un ruolo di enorme importanza nell’equilibrio di un individuo.

NUTRIZIONE NEL BENESSERE

La nutrizione nel campo del benessere produce nell’individuo cambiamenti di tipo psico-fisico. Questi due aspetti infatti tendono ad essere fortemente correlati in quanto molto spesso un miglioramento di tipo fisico produce effetti positivi a livello psicologico e viceversa. Mentre l’alimentazione nel fitness si orienta nella scelta di cibi e calcoli calorici molto rigidi e precisi, nell’alimentazione per il benessere l’attenzione è posta su strategie alimentari più flessibili che possano far stare meglio l’individuo. L’alimentazione infatti non deve essere un ulteriore stress, ma uno strumento che accompagni l’individuo lungo un percorso alla ricerca di una condizione di salute e benessere.

A CHI E’ RIVOLTA?

Questo tipo di alimentazione può essere adatta a un gran numero di persone: dal bambino che ha bisogno di un’educazione alimentare, alla mamma che necessita di un piano nutrizionale per sentirsi meglio, a sportivi amatoriali che necessitano di un inquadramento a livello nutrizionale, fino ad arrivare a pazienti patologici con malattie di tipo metabolico quali diabete, ipertensione o dislipidemie.


STRUMENTAZIONE DI BASE: BIA-ACC BIOTEKNA

BIA-ACC è un dispositivo bioimpedenziometrico non invasivo che permette di valutare la composizione corporea dell’individuo da un punto di vista quantitativo, qualitativo e funzionale. Il dispositivo può essere utilizzato per definire strategie nutrizionali e fisico-motorie per il miglioramento della performance psicofisica e per monitorare l’andamento della composizione corporea durante il processo di recupero. Inoltre, l’efficienza delle misurazioni rende il dispositivo particolarmente indicato in pazienti affetti da disturbi a carattere infiammatorio cronico o correlati allo stress. I principali dati ottenuti permettono la visualizzazione dettagliata dell’idratazione, delle masse magre e delle masse grasse, il metabolismo basale e l’indice dell’andamento circadiano dell’espressione degli ormoni dello stress.

BIa
PPG StressFlow

STRUMENTAZIONE AVANZATA: PPG STRESS FLOW

Il dispositivo PPG Stress Flow, grazie a una tecnologia di misurazione pletismografica multicanale permette di analizzare l’attività del sistema nervoso autonomo e la variabilità della frequenza cardiaca. I dati ottenuti trovano grande utilità nel settore FISICO-MOTORIO e NUTRIZIONALE aiutandoci ad impostare e a modificare nel tempo i piani di allenamento e nutrizionali personalizzati sia nello sport professionistico ma anche in chi cerca nel wellness longevità e performance psicofisica. Dai contesti clinici, a quelli sportivi, l’analisi della variabilità della frequenza cardiaca e degli indicatori dell’attività del sistema nervoso autonomo offre un ausilio di rilievo in una crescente varietà di applicazioni tra cui: • Monitoraggi dei disturbi stress correlati; • Monitoraggio dei disturbi infiammatori cronici e delle patologie autoimmuni; • Aumento della performance sportiva • Prevenzione e trattamento del sovrallenamento • Ottimizzazione dei recuperi e dei processi di adattamento

STRUMENTAZIONE GOLD STANDARD

DEXA E MOC

 

La mineralometria ossea computerizzata (MOC) è un esame radiologico che ha il fine di studiare lo stato di mineralizzazione delle ossa misurandone la densità della loro struttura.

La DEXA permette di effettuare: una valutazione in peso e in percentuale della massa magra e della massa grassa nei  differenti distretti corporei. E’ pertanto possibile determinare le zone di accumulo di grasso e quantificare il loro peso in grammi.

INDICAZIONI IMPORTANTI PER LA TUA PRIMA VISITA NUTRIZIONALE

Al fine di una corretta e scrupolosa visita nutrizionale, soprattutto per quanto riguarda l’analisi dei parametri fisiologici con la nostra strumentazione, è opportuno attenersi alle seguenti indicazioni:

  • Essere a digiuno da almeno due ore rispetto all’ora dell’appuntamento.
  • Portare con sé un diario alimentare di almeno 3 giorni*
  • Portare le analisi del sangue se sono state eseguite negli ultimi 6 mesi.
  • Portare con sé la tabella di allenamento o, per gli sport di endurance, il resoconto mensile dei carichi di allenamento effettuati .
  • Venire con un abbigliamento comodo.
  • Per le donne, non essere in fase del ciclo mestruale.

 

*Il diario alimentare non è un “esame”.

Non verrete giudicati per le vostre abitudini alimentari, ma è essenziale che voi siate il più possibile accurati e precisi in modo da poter calcolare le calorie che usualmente introducete e procedere con un piano alimentare il più idoneo possibile.

Il diario si compone di 2/3 gg in cui semplicemente vi annotate alimenti e grammature (per quanto possibilile) di tutto quello che mangiate.

NOTA IMPORTANTE: Non è possibile eseguire il test BIA-ACC nei seguenti casi: –

  • Stato di gravidanza
  • Attacchi epilettici
  • Protesi metalliche di grandi dimensioni
  • Portatori di pacemaker

 

Non eseguire il test non pregiudica la possibilità di eseguire la visita nutrizionale. E’ necessario però informarmi se si rientra in una o più di queste categorie.

 


Responsabile dell’ambulatorio di nutrizione e sport la dott.ssa Martina Giannetti

 

Vuoi ricevere ulteriori informazioni o prenotare un appuntamento? Contattaci senza impegno!